Google Translator

Estate al Sacro Speco (2019)

Le vacanze spirituali sono una vera e propria soluzione per riacquistare energie fisiche e mentali: niente cellulari, niente computer, niente facebook, niente televisore…

In questi tempi frenetici è diventato indispensabile staccare per un po’ con il mondo e ritrovare un contatto autentico con Dio, la natura e riscoprire se stessi.

Tra le varie forme di ospitalità un posto di rilievo è quello degli edifici religiosi, come Conventi, Abbazie, Monasteri, che sin dal Medioevo hanno costituito ospitalità ai viandanti ed ai pellegrini. Proprio in questi ultimi anni, con il fenomeno del turismo consapevole, sono sempre più numerose le persone che scelgono di trascorrere del tempo in strutture essenziali situate in posti suggestivi, dove si svolgono interessanti iniziative religiose, che le coinvolgono in una dimensione spirituale di riflessione, meditazione e preghiera.

Si mette in luce, portando con sé tutte le caratteristiche appena descritte, il “Sacro Speco di S. Francesco” di Narni: da qui passano moltissime persone non solo alloggiando nella piccola foresteria (che si compone di quattro cellette e cucina in autogestione), ma transitano in visita anche molti pellegrini che ripercorrono i sentieri Francescani; a questi si aggiungono religiosi, sacerdoti e frati francescani di altri conventi, che qui soggiornano per ritemprarsi dalle loro fatiche, tutti quanti partecipando ai vari riti di preghiera della fraternità. Anche la popolazione locale e dei luoghi circostanti partecipa alla vita del santuario e supporta i costanti impegni che in esso si susseguono durante l’anno, unendo le loro forze alla disponibilità e alla cordialità dei quattro frati minori presenti nel Sacro Luogo, ciascuno molto diverso nelle proprie caratteristiche, ma uniti da un grande amore per il Signore, per il creato e per tutte le persone che richiedono la loro sensibilità nell’ascolto e nella preghiera.

In questa calda estate tutti coloro che sono passati per il Sacro Speco hanno potuto godere di alcune delle molteplici attività religiose, molte delle quali in questa stagione si sono svolte nell’accogliente, nonché panoramicissimo, chiostro del Convento.

Il primo appuntamento dell’estate 2019 è stato in occasione dell’ordinazione presbiterale di padre Luca di Pasquale, avvenuta il 29 giugno, e da noi festeggiato domenica 30 alle ore 18.00 nella sua prima messa al Sacro Speco, un importante avvenimento per tutta la Comunità, al quale è seguito un festeggiamento conviviale nel giardino del convento.


Il 1° ed il 2 agosto, in occasione della solennità del Perdono di Assisi, si è svolta dapprima una veglia di preghiera con la gradita presenza anche dei frati della parrocchia di S. Antonio di Terni e del convento di Stroncone. Il giorno seguente alle 17,30 il Chiostro era gremito di gente ed è stata data la possibilità a tutti i presenti di confessarsi in vista dell’Indulgenza plenaria, con un gran numero di frati disponibili ad accogliere le riconciliazioni dei tanti penitenti. La serata, dopo la celebrazione sempre in chiostro della S. Messa ed i Vespri, è continuata con un’agape fraterna organizzata con la collaborazione di tutti i partecipanti.


Non da meno è stata celebrata la Solennità di S. Chiara con la suggestiva veglia di preghiera organizzata nel Chiostro del Convento la sera del 10 agosto: immergendoci nella profonda spiritualità della nostra santa, abbiamo adorato il SS.mo Sacramento pregando l’Ufficio delle letture. Verso la fine della celebrazione ognuno dei presenti ha potuto mettere in un braciere, posizionato davanti all’altare, un granellino di incenso, riponendo in questo gesto le proprie intenzioni di preghiera. La serata, per chi ha scelto di fermarsi ancora, ha avuto seguito spegnendo tutte le luci del chiostro per poter ammirare le magnifiche costellazioni visibili ai nostri occhi.


Per la Solennità dell’Assunzione della B. V. Maria, oltre alle SS. Messe solenni del santuario, una “delegazione” di frati e degli ospiti della foresteria hanno potuto festeggiare partecipando al tradizionale appuntamento organizzato dalla comunità di Vasciano (parrocchia servita dai frati dello Speco): s. Messa della solennità in cima al monte s. Pancrazio, che sovrasta il loro borgo, passando così una serena giornata in compagnia, godendo della vista e della frescura di quella magnifica altura.

Nella messa pomeridiana di domenica 25 agosto è stato ricordato P. Placido Sartucci in occasione del decennale della sua scomparsa: egli è stato un pilastro fondamentale del Sacro Speco e che per tantissimi anni ha accompagnato la rinascita e la sistemazione del Convento così come lo si può ammirare ora.

Nei giorni di festa per la Natività della B.V. Maria, quest’anno caduta proprio nel fine settimana, come ogni anno si sono celebrate le SS. Messe solenni sia in convento che nella splendida Chiesa parrocchiale di Vasciano. In questo piccolo borgo la festa della loro compatrona è molto partecipata e sentita: processione con la statua della Madonna per le vie del paese, festeggiamenti con canti, musiche e fuochi d’artificio hanno allietato la festa.

Le belle giornate estive hanno aiutato la riuscita di tutti gli eventi che si sono vissuti al Sacro Speco, ma non per questo con l’ingresso della stagione autunnale gli impegni diminuiranno: anzi si riparte alla grande con il nutrito programma dei festeggiamenti per S. Francesco, di cui potrete trovare in questo sito il programma dettagliato.

Arrivederci a presto a tutti coloro che hanno questo Santo luogo nel cuore e a tutti quelli che una volta conosciuto se ne innamoreranno.

Danilo

© Copyright Sacro Speco di San Francesco